.

06 marzo 2013

Lo strano conflitto Mazzacchera - Sabbatini anima il web e la stampa locali

di Lucio Palazzetti
Ho raccolto qui di seguito gli interventi di Alberto Mazzacchera e di Paola Sabbatini in riferimento alle riprese televisive effettuate qualche giorno fa qui a Cagli, che andranno in onda giovedì 15 marzo alle ore 15:50  su RaiTre nel corso della trasmissione Geo & Geo. Tengo a precisare che questa mia iniziativa è scaturita dalle sollecitazioni che ho ricevuto da entrambi i contendenti a seguire la vicenda. Ma prima del riepilogo promesso mi permetto di commentare che questa polemica, pur legittima per gli interessati, mi appare piuttosto inutile per i cittadini, ai quali i giornali dovrebbero riferire ben altre notizie, viste le condizioni nelle quali versa la nostra città, un po’ per colpa della crisi politico-economica che ci piove dall’alto, ma anche molto, troppo direi, per l’immobilità dimostrata dalla maggioranza in carica nel nostro Comune di fronte a scelte dissennate fatte dalle amministrazioni Provinciale e Regionale a danno del nostro territorio. Con questo intendo riferirmi ad esempio ai mancati interventi sull’ospedale, alle vicende del Pozzo Burano e della discarica di Ca’ Guglielmo, alle politiche sulla viabilità (leggasi Pedemontana e Fano-Grosseto), all’incapacità di non sforare il patto di stabilità mettendosi nelle condizioni di non poter più neppure riparare una strada o costruire una palestra decente. Di questo, sostengo, dovrebbero parlare i giornali e di questo, sui giornali, gli amministratori dovrebbero dare giustificazioni ai cittadini. I battibecchi su chi ha fatto cosa o su chi è più bravo di chi li lascerei ai blog come il mio o ai social network tanto di moda.
Colgo l'occasione per comunicare che martedì 12 marzo alle ore 21:00 si terrà una seduta straordinaria del Consiglio Comunale voluta dalle forze di minoranza su iniziativa del Movimento Uniti per Cagli, in conseguenza degli ultimi tagli al nostro ospedale, per sollecitare l'Amministrazione a prendere una posizione di ferma condanna di quanto attuato e ad intraprendere iniziative di natura giuridica. Sarebbe bene che la cittadinanza partecipasse, e non solo in questa occasione, indipendentemente dall'orientamento politico che ritiene di possedere.

E veniamo agli interventi:
2 MARZO 2013
MASSIMILIANO OSSINI A CAGLI CON IL FAI PER COSE DELL'ALTRO GEO

Sono state girate a Cagli con Massimiliano Ossini le riprese marchigiane per la Giornata FAI di Primavera del 23-24 marzo 2013 in onda su RAI Tre con Cose dell'altro Geo venerdì 15 marzo 2013 dalle ore 15:50 alle 17:05.
Da anni la Giornata FAI a Cagli è ormai un consolidato e importante appuntamento che consente non solo di vedere spazi monumentali del tutto inediti ma addirittura di entrare nei cantieri.
La 'tradizione' è stata rispettata anche per il 2013 attraverso l'impegno di Alberto Mazzacchera da lungo tempo responsabile del FAI di Cagli (nonché Vice Sindaco) in sinergia con il FAI di Pesaro e Urbino, il FAI Marche, il Comune di Cagli, i volontari FAI ed i piccoli ciceroni dell'Istituto Statale Comprensivo Franco Michelini Tocci.
Nei giorni 23 e 24 marzo 2013 sarà perciò visitabile a Cagli la ritrovata inedita cripta della Cattedrale, i recuperati spazi del Museo Archeologico e della Via Flaminia (non ancora aperti al pubblico) nonché i preziosi spazi del Polo Culturale di Eccellenza (biblioteca, archivio, fototeca, mediateca) a Palazzo Berardi Mochi-Zamperoli aperti al pubblico lo scorso 15 dicembre.
La trasmissione Geo & Geo condotta da Massimiliano Ossini oltre a parlare dei beni FAI con la presidente regionale Alessandra Stipa inquadrerà anche i "cowboy" con il raffinato sellaio di Pianello ed il birrificio di Apecchio accompagnati dalla dinamica Paola Sabbatini.



LA REAZIONE DELLA SABBATINI IL 4 MARZO SUL CORRIERE ADRIATICO

6 MARZO 2013
IN RISPOSTA ALLE DICHIARAZIONI DI PAOLA SABBATINI, ALBERTO MAZZACCHERA MI HA CONSEGNATO COPIA DELL’ARTICOLO CHE HA FATTO PUBBLICARE il 4 marzo sul Corriere Adriatico

Sulla sterile polemica generata dalle dichiarazioni di Paola Sabbatini in ordine ad una parte delle riprese televisive "Cose dell'altro Geo" (in onda venerdì 15 marzo dalle ore 15:50 alle 17:05) concordo sulla necessità di rappresentare correttamente i fatti.
Da molti anni sono consigliere provinciale e responsabile in Cagli del FAI che, anche a seguito delle importanti iniziative in precedenza portate a compimento, per la prossima Giornata FAI di Primavera 2013 ha inteso concentrare l'attenzione mediatica sui beni monumentali di Cagli: cripta della Cattedrale, Museo archeologico, Polo Culturale di Eccellenza. E' per questa scelta del FAI Marche (attraverso l'ufficio stampa nazionale FAI in stretto contatto con Massimiliano Ossini), stimolata dal Capo Delegazione provinciale Anna Siccoli, che è stata effettuata la ripresa in centro storico con la Presidente regionale Alessandra Stipa Alesiani che ha illustrato la serie di beni che saranno visitabili nelle Marche il 23-24 marzo 2013.
Ritengo utile precisare, come tutti ben sanno, che la cripta della Cattedrale (oggetto delle riprese televisive) è stata liberata sia dell'enorme centrale termica dell'impianto di riscaldamento (con la costruzione ad hoc di un vano tecnico sotto il sagrato) e sia dell'ossario grazie ai lavori condotti dalla Parrocchia del Duomo che ho personalmente guidato passo a passo quale Responsabile dei beni culturali del Cattedrale.
La mia presenza, qualora ciò sia sfuggito a chi con disinvolta smemoratezza domanda chiarezza, non era quale Vice Sindaco bensì quale esponente FAI che peraltro è anche colui che ha concorso al recupero della menzionata cripta.
Da ultimo la lunga lista di beni culturali e monumentali restaurati e valorizzati è, come a tutti noto, frutto di un operoso e incessante lavoro da me svolto dal 1989 e dimostra non solo che non rientro nella categoria dei politici delle "inutili chiacchiere" ma che a tutti gli effetti sono da classificare tra chi "realmente vive e lavora sul territorio ed è rimasto a presidiarlo".
Spero che il nuovo vento del cambiamento politico, invocato in chiave polemica, abbia anche la memoria dei fatti che aiuta a distinguere chi opera davvero in maniera dinamica nei vari settori.

Il 6 marzo Paola Sabbatini mi ha scritto
Non ho memoria di quello che Alberto Mazzacchera faceva nell’89 ( mi sembrava che allora era con una Giunta guidata da Vincenzo Mei DC -PSI, che in seguito corteggiasse il nascente centro-destra insieme al Prof. Urbano Urbinati e che poi lavorasse per altri anni presso la Façonnable, fino ad approdare al centrosinistra cagliese ma forse mi sbaglio ??), io ero a Bologna a studiare per prendermi una laurea in Scienze Agrarie e in seguito a sostenere l’esame di stato per l’iscrizione all’Albo dei Dottori Agronomi e Forestali della Provincia di Pesaro e Urbino.
Inoltre non mi interessa quello che ha fatto, perché non è oggetto del contendere, e come se all’apertura di questo articolo mi vantassi di aver recuperato e conservato con un progetto quinquennale finanziato dalla Comunità Europea la razza equina Cavallo del Catria, recuperato le aree pascolive montane dell’acuto, valorizzato le carni alternative, etc. etc.
Il fatto è che ora Alberto Mazzacchera dice di non parlare da vicesindaco e quindi da figura politica, ma di parlare a nome del FAI, in qualità di consigliere provinciale e responsabile in Cagli. Ma credo che stia ingarbugliando ancora di più la sua posizione in questa vicenda.
Innanzitutto va detto che il FAI non prevede al suo interno la figura del consigliere ma trattasi di delegati e aderenti, ognuno di voi che mi sta leggendo lo può diventare visto che è una ONLUS fatta da volontari !! Anzi con l’occasione vi invito ad aderire alla campagna di tesseramento non associando negativamente il FAI a questa polemica che di fatto credo stia diventando non sterile ma istruttiva.
Va detto anche che la responsabile operativa del Fai per Cagli è la sig.ra Valeri Guidarelli Assunta e potete verificare la veridicità delle mie affermazione sul sito web del fai.
Quindi Alberto Mazzacchera non ha alcun ruolo all’interno del FAI, tanto per collegarci nuovamente al titolo del precedente articolo, per intenderci non è capo delegazione, ne vice capodelegazione, ne segretario ( posti ricoperti da altri nominativi ) è un aderente/delegato del fai, che nessuno può negare abbia una grande passione per i beni culturali.
Occorre inoltre sottolineare che i responsabili FAI normalmente non seguono e non guidano passo, passo le operazioni di restauro e recupero dei beni culturali che di norma vanno affidati a personale tecnico qualificato leggasi professionisti ( architetti, ingegneri, …. ) che si assumono la direzione lavori del cantiere ( non so se per i beni della chiesa questo non valga ma credo che l’iter autorizzativo per interventi di restauro e di recupero non faccia dei distinguo e preveda lo stesso tipo di figure professionali ).
Inoltre il comunicato stampa che ha inviato alla giornalista, e forse ingenuamente anche a me, che allegherò per conoscenza, è scritto su carta intestata del comune di Cagli e a fianco del nome è riportata una qualifica di tipo politico quella di vicesindaco che quindi si intendeva mettere in risalto nell’articolo, e si parla di Alberto Mazzacchera come responsabile del FAI per Cagli, che è un’altra inesattezza.
In conclusione, e di nuovo per dovere di cronaca, ribadisco che grazie alla decisione di realizzare un’esterna in quel di Pianello di Cagli, la redazione del programma Cose dell’Altro Geo ha contattato il FAI che ha indicato il sito FAI più vicino alle altre locations della esterna, da promuovere per le giornate FAI di primavera.
QUINDI MAZZACCHERA NON HA AVUTO ALCUN RUOLO !!!

I SUCCESSIVI COMUNICATI CON IL CONSUETO POLITICHESE CHE DI SOLITO NESSUNO METTEVA IN DISCUSSIONE ORMAI NON FUNZIONANO PIU' E A CAGLI MOLTI CITTADINI HANNO DIMOSTRATO DI AVERNE UNA....GRAN NAUSEA MANIFESTANDO APERTAMENTE IL LORO SOSTEGNO, APPOGGIO E CONDIVISIONE ALLE MIE AFFERMAZIONI NON POLITICHE MA VERE.
Paola Sabbatini
 
 
Qualche giorno prima delle Giornate del FAI di primavera la signora Siccoli, Capo Delegazione del FAI di Pesaro e Urbino, ha diramato il comunicato stampa che definisce i beni monumentali che verranno aperti al pubblico il 23 e 24 marzo p.v. e sottolinea come da molti anni la Giornata FAI a Cagli è ormai un consolidato e importante appuntamento. Il comunicato, inoltre, chiarisce definitivamente la posizione attuale del Vice Sindaco Mazzacchera nell'ambito del FAI provinciale quale Responsabile FAI di Cagli (e membro del consiglio della Delegazione Provinciale).

Nessun commento: